Scroll To Top

Calabria, allerta meteo a partire da stasera: le precauzioni suggerite dalla ProCiv

in politica e cronaca

La Sala operativa della Protezione Civile regionale ha diramato, pochi minuti fa, un messaggio di allerta meteo per tutto il territorio calabrese per possibili e intense precipitazioni a partire dalle ore 20 di oggi fino alle ore 20 di domani sabato 10 ottobre. Si prevedono precipitazioni sparse, anche a carattere di rovescio o temporali di forte intensità. Tutto la Calabria, incluso quindi il quadrante ionico settentrionale (Cala 4) che interessa il territorio del Comune di Rossano e Corigliano, i comuni maggiormente colpiti dall’alluvione dello scorso 12 agosto, è stata classificata dalla ProCiv con livello di rischio 1 – Arancione (moderato). Si raccomanda prudenza e di osservare tutte le precauzioni pre e post eventuale evento meteorologico.

BCRNello specifico – si legge nella nota di allerta della Protezione civile regionale – dalle prime ore di stasera (venerdì, 9 ottobre 2015), e per le successive 24 ore, si prevedono precipitazioni, a prevalente carattere di rovescio o temporale per il passaggio di un ciclone-urgano che sta attraversando il Mediterraneo. Le precipitazioni risulteranno essere a carattere diffuso con quantitativi elevati o molto elevati.

I fenomeni potranno essere accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, forti raffiche di vento e locali grandinate. Saranno altresì possibili mareggiate sulle zone costiere ioniche.

Nel frattempo, così come specificato dalle norme comportamentali della Protezione civile, si ricordano alcune precauzioni fondamentali in caso di forti precipitazioni. Si raccomanda di stare a debita distanza dagli argini e dalle foci di fiumi e torrenti; assicurarsi che tutte le persone potenzialmente a rischio siano al corrente della situazione; se si abita ad un piano alto, offrire ospitalità a chi abita ai piani sottostanti e viceversa se si risiede ai piani bassi, chiedere ospitalità; porre delle paratie a protezione dei locali situati al piano strada e chiudere o bloccare le porte di cantine o seminterrati; se non si corre il rischio di allagamento, è preferibile rimanere in casa; ricordare a tutti i componenti della famiglia i comportamenti da adottare in caso di emergenza, come chiudere il gas o telefonare ai numeri di soccorso.

Durante l’eventuale fase temporalesca, invece, se si è in casa è opportuno chiudere il gas, l’impianto di riscaldamento e quello elettrico. Bisogna prestare attenzione a non venire a contatto con la corrente elettrica con mani e piedi bagnati; salire ai piani superiori senza usare l’ascensore; non scendere assolutamente nelle cantine e nei garage per salvare oggetti o scorte; non cercare di mettere in salvo la tua auto o i mezzi agricoli: c’è pericolo di rimanere bloccati dai detriti e di essere travolti da correnti; mantenere la calma; aiutare i disabili e gli anziani residenti nell’edificio a mettersi al sicuro; non bere acqua dal rubinetto di casa: potrebbe essere inquinata. Fuori casa è necessario evitare l’uso dell’automobile se non in casi strettamente necessari; evitare di transitare o sostare lungo gli argini dei corsi d’acqua, sopra ponti o passerelle; evitare i sottopassi perché si possono allagare facilmente; evitare di passare sotto scarpate naturali o artificiali; non ripararsi sotto alberi isolati perché durante un temporale potrebbero attirare fulmini; usa il telefono solo per casi di effettiva necessità per evitare sovraccarichi delle linee.

È utile, infine, avere sempre in casa, oggetti di fondamentale importanza in caso di emergenza quali: kit di pronto soccorso e medicinali; generi alimentari non deperibili; scarpe pesanti; scorta di acqua potabile; vestiario pesante di ricambio; Impermeabili leggeri o cerate; torcia elettrica con pila di riserva; coltello multiuso; fotocopia documenti di identità; chiavi di casa; valori (contanti, preziosi); carta e penna. – In caso di emergenza è possibile contattare il numero verde della Protezione civile 800.840.840 e i numeri di primo intervento.

redazione CN

No comments yet