Scroll To Top

Erga Omnes: l’elenco degli indagati. De Gaetano lascia la giunta.

in politica e cronaca

REGGIO CALABRIA – Erga Omnes, che riguarda tutti. Ed è infatti un’indagine che colpisce tutto il Consiglio regionale calabrese quella che si è conclusa oggi, con l’arresto di tre persone, cinque ordinanze di divieto di dimora in Calabria ed il sequestro di beni per 2,5 milioni nei confronti di 27 iscritti nel registro degli indagati.

Le ipotesi di reato contestate sono relative alla passata legislatura, durante la quale i membri dell’esecutivo attuale erano consiglieri regionali.

nino-de-gaetano

L’assessore regionale Nino De Gaetano

Tra gli indagati figura Nino De Gaetano, assessore PD finito ai domiciliari, che tramite un comunicato stampa annuncia le sue dimissioni dalla giunta e l’autosospensione dal Partito democratico. Spiega De Gaetano in una nota che, “pur dichiarando la propria estraneità ai fatti contestatigli ed avendo piena fiducia nell’operato della magistratura”, ritiene che le sue dimissioni siano “un atto politico dovuto”, per non intralciare l’attivita’ della giunta regionale e del presidente Oliverio.

Il M5S è intervenuto sul caso e, tramite una nota dei suoi parlamentari calabresi Dalila Nesci, Nicola Morra, Paolo Parentela, Federica Dieni e Riccardo Nuti, ha chiesto le dimissioni di Oliverio: “Il governatore della Calabria deve dimettersi subito. Egli ha difeso a oltranza e senza riserve morali la nomina di Antonino De Gaetano, anche col silenzio tombale tenuto nella sua recente audizione in Antimafia”.

Anche la Presidente di Risveglio Ideale, Angela Napoli, ha diramato una nota in cui afferma: “Le responsabilità sono tutte di quei partiti e di quegli uomini politici che si ostinano a delegare alla Magistratura la pulizia del loro mondo. La responsabilità è di chi dà incarichi di governo della cosa pubblica a coloro che sanno già essere sottoposti ad inchieste giudiziarie nonché di chi dall’interno dei partiti di appartenenza continua a difendere gli “indifendibili”. La responsabilità è anche di chi non lascia fuori dalla politica coloro che, avvalendosi del consenso elettorale, sperpera o si appropria del denaro dei cittadini”.

 

Di seguito l’elenco delle persone coinvolte nell’operazione Erga Omnes relativa alla gestione dei fondi del Consiglio regionale nata dalla cosiddetta inchiesta Rimborsopoli:

1. Luigi Fedele, per una somma pari a € 399.969,03.
2. Antonino De Gaetano, per una somma pari a € 410.588 per uno dei capi di imputazione, più € 1.254,00 per un secondo capo di imputazione.
3. Giovanni Emanuele Bilardi (senatore Ncd), per una somma pari a € 357.655,96.
4. Giovanni Nucera, per una somma pari a 34.777,99.
5. Pasquale Maria Tripodi, per una somma pari a € 161.091,82 per uno dei capi di imputazione, più altri € 25.200 per un secondo reato contestato.
6. Nicola Adamo, per una somma pari a € 278.856,1.
7. Vincenzo Antonio Ciconte, per una somma pari a 10.709,00 per uno dei capi di imputazione, più € 41.251,28 per un secondo reato contestato, più € 17.550,00 per un terzo reato.
8. Carlo Guccione, per una somma pari a € 27.186,07.
9. Antonio Scalzo, per una somma pari a € 11.193,54.
10. Pietro Aiello (senatore Ncd), per una somma pari a € 37.160,04.
11. Alfonso Dattolo, per una somma pari a 185.169,34.
12. Gianluca Gallo, per una somma pari a 12.477,64.
13. Alfonsino Grillo, per una somma pari a € 95.100.
14. Claudio Parente, per una somma pari a € 14.543,07.
15. Salvatore Magarò, per una somma pari a € 6.610.
16. Ferdinando Aiello (deputato PD), per una somma pari a 3.680,08, più € 20.489,15 per un secondo reato contestato, più € 16.540,76 per un terzo reato contestato.
17. Emilio De Masi, per una somma pari a € 20.694,55.
18. Domenico Talarico, per una somma pari a € 13.175,08.
19. Sandro Principe, per una somma pari a € 35.087, 19.
20. Demetrio Battaglia (deputato PD), per una somma pari a € 8.761,75.
21. Pietro Amato, per una somma pari a € 13.836,23.
22. Bruno Censore (deputato PD), per una somma pari a € 10.173,86.
23. Mario Franchino, per una somma pari a € 47.020,83.
24. Mario Maiolo, per una somma pari a € 88.963,25.
25. Francesco Sulla, per una somma pari a € 42.108,19.
26. Agazio Loiero, per una somma pari a € 15.625,45, per uno dei capi di imputazione, più € 13.902, per un secondo capo di imputazione.

All’elenco bisogna aggiungere Diego Fedele, che non ha subito alcun sequestro di beni.

redazione CN

No comments yet