Scroll To Top

Il “Muscolo di grano” vince l’Oscar Green per l’innovazione in agricoltura

in economia e lavoro / innovazione e ricerca

MILANO – La Giornata dedicata all’innovazione a Expo Milano con il premio nazionale degli Oscar Green 2015, dedicato alle imprese più innovative in agricoltura promosso dai Giovani Coldiretti sorride alla Calabria. Infatti, per la categoria WeGreen, Lucia Marascio, dell’azienda Muscolo di Grano si aggiudica il primo premio.

I Giovani calabresi a Oscar Green la secona da sx la vincitrice Lucia Marascio

I Giovani calabresi a Oscar Green. La secona da sinistra Lucia Marascio

Muscolo di grano nasce dalla creatività e dall’ingegno della famiglia Marascio, di Isca sullo Ionio, comune del versante jonico nella provincia di Catanzaro. A premiare la giovane è stato il Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti. Il muscolo di grano è un alimento vegetale ricco di proteine e senza colesterolo che si ottiene dalla lavorazione di farina di frumento biologica della varietà Cappelli, farina di legumi o soia, olio extravergine di oliva, spezie e sale. L’impasto forma il vero e proprio muscolo e si propone come alternativa vegetale alla carne.

Le proposte per consumare questo alimento sono molteplici, sia come fettine di carne che sotto forma di salumi. In commercio si può trovare, infatti, l’arrosto, la bistecca, il filetto, la fiorentina, lo spezzatino, ma anche il prosciutto, la salsiccia, la pancetta, la bresaola e il wurstel. Il muscolo di grano, fa bene alla salute, apporta grassi polinsaturi. In più, per la carenza di grassi e calorie, è perfetto per chi fa regolarmente attività fisica e per soggetti con irregolarità di peso che devono attenersi ad un regime ipocalorico. “E’ una vittoria di tutta la Coldiretti calabrese e siamo molto orgogliosi che una nostra azienda si sia distinta per innovazione, merito e capacità imprenditoriale: – commenta il presidente di Coldiretti Calabria, Pietro Molinaro – Quella di Lucia Marascio è una realizzazione concreta del grado di innovazione delle aziende nella nostra regione. Una regione che piace e vince e che con questi giovani contadini ha creato un percorso di innovazione in agricoltura che è la password per il futuro.

“Una sfida – prosegue – che continua in modo ancora più determinato perché dalla brillante idea imprenditoriale si genera fatturato, sviluppo, occupazione che influenza positivamente il progresso del sistema-regione”.

“Dedico questo premio a tutti i giovani calabresi, siamo noi i nuovi custodi della terra – queste le prime parole di Lucia Marascio, dopo aver ricevuto il prestigioso riconoscimento – poiché con un grado di formazione elevato, siamo capaci di fare propri e rilanciare temi forti come l’agricoltura sostenibile e durevole”.

redazione CN

No comments yet