Scroll To Top

Aumenta la percezione della criminalità da parte degli imprenditori

in economia e lavoro

Anche a Reggio Calabria ieri si è tenuta la giornata nazionale contro l’illegalità. “Legalità mi piace” è il titolo dell’evento organizzato dalla Confcommercio nazionale a cui hanno aderito le varie realtà provinciali, come quella reggina, che nella sua sede ha ospitato imprenditori, giornalisti e studenti dell’Istituto Tecnico per il settore Economico “Raffaele La Pira”.
legalita mi piace incontroAll’assemblea sono intervenute diverse personalità delle istituzioni e dell’associazione dei commercianti, come i Ministri dell’Interno e della Giustizia, Alfano e Orlando (in diretta streaming) e i presidenti nazionale e provinciale di Confcommercio, Carlo Sangalli e Giovanni Santoro, oltre a due imprenditori reggini vittime del racket e delle intimidazioni.

Il dibattito si è svolto anche e soprattutto sulla base della presentazione della nuova indagine commissionata da Confcommercio a Gfk Eurisko sui fenomeni criminali e, rispetto a quella precedente del 2007, sugli effetti che questi, insieme alla crisi, hanno sulle attività imprenditoriali calabresi in particolare. Dal sondaggio, si deduce un peggioramento generale della condizione in cui si trovano gli operatori del commercio, del turismo, dei servizi e dei trasporti, sotto diversi punti di vista.

Il primo fra questi è “la percezione di sicurezza per l’attività” che fa registrare un più 25% di negatività in questo senso, dato che si accompagna all’aumento del 50% delle “azioni di protezione della propria impresa”. Ma a risaltare maggiormente nelle statistiche calabresi rispetto alla media nazionale sono le percentuali relative ai crimini specifici e a come si manifestano sul territorio. Infatti, tra i diversi “crimini aumentati di più”, oltre a furti, contraffazione, rapine, usura, tangenti negli appalti, estorsione, è l’abusivismo a far segnare da noi un 68% di incremento, confermato dal 63% sempre in più di presenza di venditori abusivi, fenomeno considerato pertanto la maggiore tra le “problematiche principali del territorio”.

Giovanni-Santoro-confcommercio

Giovanni Romeo, presidente Confcommercio Reggio C.

Altro dato preoccupante è quello che riguarda “l’esperienza con la criminalità” sia diretta che indiretta, che col 33% in Calabria “è decisamente superiore alla media nazionale” e inoltre tra “le iniziative ritenute più efficaci per la sicurezza della propria impresa” sembra che l’associazionismo antiracket riscuota maggior successo, con un 12% in più di dato favorevole.

L’analisi di questa indagine è stata presa come spunto per promuovere l’iniziativa “Legalità mi piace” anche di fronte ai giovani intervenuti e per sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni a favore di un maggiore contrasto dei fenomeni dell’illegalità, denunciando così le conseguenze sull’economia reale che i dati raccolti hanno dimostrato.

“Abbiamo recepito con forza il messaggio lanciato dalla Confcommercio nazionale e per questo abbiamo sposato con entusiasmo l’evento”, sottolinea il presidente di Confcommercio Reggio Calabria, Giovanni Santoro, ribadendo l’importanza della promozione di un valore fondamentale come la legalità a Reggio Calabria dove “la voce degli imprenditori si deve sentire, e fare sentire, con forza”.

di Gianluigi Catalano

No comments yet