Scroll To Top

Inchiesta su Calabria Etica, la Procura indaga sul reato di abuso d’ufficio

in politica e cronaca

CATANZARO – La Procura della Repubblica di Catanzaro e il Nisa, nell’inchiesta aperta su Fondazione Calabria Etica attualmente commissariata dalla Regione Calabria e presieduta fino a un mese fa da Pasqualino Ruberto, hanno ipotizzato il reato di abuso d’ufficio che sarebbe stato commesso attraverso l’assunzione di centinaia di lavoratori nell’imminenza delle elezioni regionali.

Il Nucleo investigativo sanità e ambiente (Nisa) insieme con i Carabinieri stanno procedendo alla verifica di numerosi atti. L’inchiesta, aperta dal Procuratore aggiunto Giovanni Bombardieri e finalizzata ad accertare eventuali reati, non vede nessuna persona indagata.

redazione CN

No comments yet