Scroll To Top

Operazione “Guardiano” contro il sistema estorsivo della guardiania, 4 arresti (FOTO-VIDEO)

in politica e cronaca

REGGIO CALABRIA – I Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria su ordine della Direzione Distrettuale Antimafia hanno tratto in arresto quattro persone ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso ed estorsione aggravata dal metodo mafioso.

Le indagini, avviate nell’ottobre scorso, si sono avvalse anche delle dichiarazioni rese da alcuni collaboratori di giustizia ed hanno permesso di accertare l’appartenenza di uno degli indagati alla cosca Alvaro di Sinopoli, ramo “carni ‘i cani”. L’inchiesta ha permesso di fare luce sul sistema della guardiania, diffusamente applicato dalla criminalità organizzata nei territori di competenza, come estorsione nei confronti di chi abbia a disposizione possedimenti potenzialmente produttivi di reddito.

In alcuni casi, anche grazie alla collaborazione di alcune vittime dell’attività estorsiva, è stata accertata finanche la “spoliazione” della proprietà subita dalle stesse, costrette a vendere i propri fondi a prezzi notevolmente inferiori a quelli di mercato.

Nella circostanza, sono stati sottoposti a sequestro preventivo i fondi illecitamente sottratti, ritenuti prodotto di attività estorsiva, per una superficie complessiva di oltre 55 ettari, per un valore stimato in € 1,5 milioni circa.

Le persone tratte in arresto sono:

– Alvaro Nicola, di anni 70 da Sinopoli (RC) (già detenuto a Lanciano)
– Violi Grazia, di anni 68 da San Procopio (RC);
– Alvaro Antonio, di anni 46 da Sinopoli (RC);
– Cutrì Natale, di anni 48 da Taurianova (RC).

IL VIDEO

redazione CN

No comments yet