Scroll To Top

Operazione Hydra: colpito il clan Mancuso, 6 arresti e 5 milioni di beni sequestrati tra Roma, Bergamo e USA.

in media gallery / politica e cronaca

Alle prime luci dell’alba, i Finanzieri del Comando Provinciale e del Nucleo Speciale di Polizia Valutaria hanno eseguito 6 ordinanze di custodia cautelare tra Roma e Bergamo ed effettuato il sequestro di immobili, società e conti correnti per un valore complessivo di oltre 5 milioni di euro, contestando a 17 indagati i reati di usura, abusiva attività finanziaria, intestazione fittizia di beni e riciclaggio di denaro di provenienza illecita, aggravati dalle modalità mafiose, in quanto legati alla cosca Mancuso di Limbadi (VV).

I provvedimenti cautelari rappresentano la sintesi investigativa e il punto di incontro di due filoni d’indagine, condotti, in una prima fase autonomamente, dal Nucleo Speciale di Polizia Valutaria e dal GICO del Nucleo di Polizia Tributaria di Roma, poi riuniti grazie al coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Roma.

hydraPiù nel dettaglio, gli uomini del NSPV hanno compiuto accertamenti specifici sui conti correnti dell’ex capogruppo alla Regione Lazio dell’Italia dei Valori, Vincenzo Maruccio, arrestato per peculato nel novembre del 2012, proprio dal Nucleo Valutario.

Maruccio era emerso, altresì, negli approfondimenti degli specialisti del GICO, quale prestanome – unitamente a molti altri indagati (tra cui la moglie, la madre e la collaboratrice domestica del politico stesso) – di Bevilacqua Luigi Ferruccio, imprenditore di origini calabrese al quale, nell’ottobre 2009, era stata comminata la misura dell’obbligo di dimora a Roma, anche perché considerato vicino al clan Mancuso.

Meritevole di attenzione è la circostanza che il Bevilacqua Luigi Ferruccio non si fosse mai effettivamente dissociato dall’ambiente d’origine, ricevendo le cosiddette “imbasciate” sino a Roma, dove aveva creato il suo impero, nonché partecipando a riunioni in Calabria. Emblematico il contenuto di alcune intercettazioni: “…siamo sempre vicini, siamo sempre una famiglia…questo non c’è dubbio…una famiglia piena di affetto, di bontà e di trasparenza e di perbenismo…“.

Dalle complessive indagini, effettuate in stretta sinergia dal NSPV e dal Nucleo di Polizia Tributaria di Roma/GICO, è emerso come Bevilacqua, abbandonato il territorio d’origine, abbia proseguito nell’attività di usuraio, cominciando a investire i correlati proventi illeciti nel mercato legale romano, acquisendo – fittiziamente e, appunto, tramite prestanomi – importanti e note strutture societarie romane, operanti prevalentemente nel campo della ristorazione nonché immobili in Italia e all’estero.

Nel ruolo di promotore e organizzatore delle condotte delittuose poste in essere, Bevilacqua Luigi Ferruccio ha diretto tutte le attività illecite, avvalendosi dei figli nonché di altri fidati collaboratori e soggetti compiacenti, tra cui, su tutti, l’esponente di IDV, Maruccio, e Anello Rocco, già consigliere della Provincia di Catanzaro e candidato alla carica di sindaco di Curinga (CZ), nelle elezioni amministrative del 2013. Ciò attraverso la tecnica di intestare fittiziamente beni e di attività a terzi compiacenti, al fine di schermarne l’effettiva titolarità.

Sequestrati bar, ristoranti, pescherie, attività di commercio di orologi, tutti nella zona di Piazza Bologna: queste le iniziative imprenditoriali dei Bevilacqua nella Capitale gestite attraverso una fitta rete di prestanome. Tra i locali in mano agli arrestati anche il noto “M’addubbai” di via Livorno. Cautelate anche 3 società di diritto svizzero, operanti nel settore immobiliare e del commercio in genere, nonché 3 lussuose ville site a Miami Beach (Florida – USA). L’ammontare dei beni in sequestro ammonta, allo stato, a oltre 5 milioni di euro.

https://youtu.be/HXf50xoTW8c

 

redazione CN

No comments yet