Scroll To Top

La A3 a pagamento, questa la proposta dei deputati della Lega Nord – Due emendamenti alla Legge di Stabilità che, se approvati, potrebbero concedere all’Anas facoltà di pedaggio sulla malconcia autostrada che conduce a Reggio Calabria

in altre notizie dal web

ROMA – La Lega Nord, il partito territoriale di Maroni oggi e di Bossi ieri, propone un futuro a pagamento per la A3. La sfortunata e malconcia autostrada che dalla Campania giunge, fra mille interruzioni e disagi, sino a Reggio Calabria dovrebbe, a parere della rappresentanza leghista in Parlamento, diventare un’autostrada a pagamento in modo da finanziare i futuri lavori di ammodernamento della fondamentale arteria di collegamento per il Meridione.

La proposta è di oggi ed è stata formulata con un intervento sulla Legge di Stabilità. Sono stato difatti proposti due emendamenti destinati a far discutere e che dovranno essere affrontati nei prossimi giorni. Da una parte c’è la proposta di autorizzare l’Anas ad “applicare il pedaggio sulle autostrade e sui raccordi autostradali a gestione diretta” da ricercare in un elenco di 20 tratte fra cui compare, oltre ad altri spezzoni autostradali del centrosud, appunto la Salerno-Reggio Calabria.

In un secondo emendamento è proposto invece un taglio drastico al finanziamento triennale diretto alla A3 per i lavori compresi nel Macrolotto fino allo svincolo di Altilia. Si tratta in sostanza di annullare i 50 milioni di euro previsti per il 2014, i 170 milioni del 2015 e i 120 milioni del 2016.

Sull’argomento è intervenuto il presidente del Consiglio regionale della Campania, Paolo Romano, che invita il Carroccio a desistere: «La Lega Nord si permette di proporre nuovi pedaggi soprattutto nelle tratte autostradali del centro sud e tagli di risorse alla Salerno-Reggio Calabria, un’opera infrastrutturale che attende da decenni di essere completata e di essere degna di chiamarsi autostrada».

Una proposta assurda e antimeridionale per l’esponente del Pdl campano che, ne è sicuro, sarà fermata dai suoi colleghi in Parlamento. In attesa di risposte parlamentari all’attacco sferrato oggi verso un’infrastruttura eternamente incompleta, ci chiediamo perplessi quale potrebbe essere il “giusto” prezzo per un avventuroso viaggio fra Reggio Calabria e Salerno condito di curve mozzafiato, interruzioni varie, sensi alternati, semafori e tratte con limiti di velocità degni di una strada di città.

di Gaspare Mazzei

No comments yet