Scroll To Top

Rassegna di arti contemporanee a Lamezia Terme: il CRAC apre i battenti con “A Burning Autumn Under A Southern Sky”.

in cultura e società

LAMEZIA TERME – L’acronimo CRAC identifica il Centro di Ricerca per le Arti Contemporanee di Lamezia Terme (CZ). Grazie a un bando di finanziamento per start up, CRAC ha iniziato le sue attività quest’estate con FRAC – Festival di Ricerca per le Arti Contemporanee, che, alla sua I edizione, svoltasi nello splendido borgo di Aieta (CS), si è posto come punto di incontro tra le arti contemporanee, i nuovi linguaggi performativi di musica e arti figurative, e il territorio.

Lo stesso spirito che anima “A Burning Autumn Under A Southern Sky“, la prima rassegna ufficialmente organizzata dalla struttura, che vedrà incontrarsi all’interno del suggestivo polo lametino, tra i mesi di ottobre e dicembre 2015, esponenti di fama nazionale e internazionale provenienti dai più diversi ambiti artistici: dalla visual art alla performing art, dal teatro di ricerca passando per la danza e i live show musicali. Un mix di esperienze che sappiano parlare e far dialogare su più livelli il mondo dell’arte contemporanea, cercando in particolar modo di suggestionare il territorio, educandolo alla bellezza.

Appuntamenti e ospiti
Dal 29 settembre al 2 ottobre l’intervento dello street-artist G Loois metterà tecnicamente fine ai lavori di ristrutturazione della struttura, dando inizio alle attività di CRAC. Nato a Lamezia Terme e residente a Bologna, fin dal ’98 lavora nel mondo dei graffiti, partecipando a diversi eventi e mostre collettive a livello nazionale. Nelle sue opere è presente un mondo surreale, utopico, fatto di controsensi, equilibri e figure fluttuanti che sembrano galleggiare nello spazio.

Dal 1 ottobre CRAC ospiterà l’attrice Giulia Perelli, che con l’ausilio di numerosi ballerini provenienti dal territorio, costruirà una performance che verrà presentata in esclusiva nella giornata di sabato 3 ottobre: “Valzer Blu“. Classe ’85, residente a Roma, Perrelli è attrice per il cinema, il teatro e la pubblicità. Ha lavorato con registi come Carlous Saura e Gary Winick, ed è stato il volto di Rai Movie. Lo storico regista belga Jan Fabre la sceglie nel 2011 per la sua compagnia, portandola in scena per tre lunghi tour internazionali.

Assieme a questi primi due nomi, si alterneranno nel corso dei tre mesi della rassegna altri ospiti di assoluto prestigio, di diversa estrazione artistica e provenienza geografica, che contribuiranno a rendere irripetibile questa esperienza.

Location
Per la I edizione di “A Burning Autumn Under The Southern Sky” sono stati scelti due luoghi di rappresentazione: il centro CRAC, un ex scuola di informatica completamente restaurata, e il Teatro Grandinetti, storico palcoscenico di Lamezia Terme. Nel corso degli appuntamenti non mancheranno le sorprese e le location inedite che contribuiranno a far vivere un’esperienza nuova e originale.

Gli artisti

G Loois

G Loois


G Loois

G Loois, classe 1983, nato a Lamezia Terme, si trasferisce a Bologna nel 2002 per iscriversi all’Accademia di Belle Arti di Bologna, conseguendo il diploma di laurea in pittura frequenta il corso biennio specialistico di Grafica d’Arte approfondendo le tecniche di stampa tradizionale e grafica digitale. Fin dal ’98 si appassiona al mondo dei graffiti, partecipa a diversi eventi e mostre collettive a livello nazionale, l’approccio con le grandi superfici le evoluzioni delle lettere e le figure sono lo stimolo per sperimentare nuovi metodi e linguaggi espressivi fino ad arrivare una vera e propria astrazione formale. La natura ,il macro e micro cosmo sono sempre spesso presenti nelle sue opere, un mondo surreale,utopico a sua volta fatto di controsensi, equilibri e figure fluttuanti sembrano galleggiare nello spazio,frammenti di minerali , organismi e animali sono raffigurati con forte carica pittorica, incuriosito dalla scienza e in costante ricerca di nuove forme, la sua è quasi un ossessione,smembrare,sezionare fino ad arrivare al nucleo quasi sempre di natura opposta al suo involucro.

Giulia Perelli
Nasce in Toscana il 23 Novembre del 1985. Sin da piccola l’attrice e l’autrice lavora per il teatro e per il cinema, con registi come Carlos Saura, Gary Winick, Manuel De Teffè, Daniel Marini ed altri. A 26 anni è l’unica attrice italiana scelta da Jan Fabre per la sua compagnia, diventando una “guerriera della bellezza”. E’ in scena da tre anni, in una tournée internazionale con i primi due spettacoli storici dell’enfant prodige fiammingo, della durata di 8 ore l’uno, 5 l’altro. Nelle performance, oltre ad interpretare, canta, danza e, soprattutto, corre. E’ protagonista di alcuni spot televisivi per Rai Movie e testimonial di “30 ore per la vita”. Dal 2009 fa parte del collettivo di teatro civile Voci nel deserto. Autrice di spettacoli comici, vince premi in circuiti off di Roma come miglior autrice e miglior attrice con il one woman show “Lucciole”. Attualmente vive a Roma, lavora ad Anversa e si riposa a Lucca.

AuroraMeccanica
AuroraMeccanica è uno studio di produzione audiovisivi, oggi di base a Torino. Un percorso da autodidatta a cavallo tra sperimentazione tecnologica, ricerca estetica ed impegno sociale, fa sì che i lavori si concretizzino prendendo la installazioni interattive. L’estetica e la poetica si esprimono attraverso una partecipazione attiva del pubblico, stupore e coinvolgimento emotivo non sono il fine ultimo dei lavori ma diventano chiavi di lettura.

Ginevra Panzetti e Enrico Ticconi
La ricerca visiva di Ginevra ed Enrico si integra sin dall’inizio della loro collaborazione con le discipline performative, la danza e l’indagine sullo spazio scenico. Collaborano artisticamente dal 2008 anno in cui realizzano la loro creazione coreografica durante la frequentazione della “Stoa. movimento ritmico e filosofia” diretta da Claudia Castellucci della Socìetas Raffaello Sanzio.

Quiet Ensemble
Quiet Ensemble nasce dall’incontro di Fabio Di Salvo e Bernardo Vercelli. Insieme sviluppano un interesse rivolto alla contaminazione di modalità espressive differenti osservando il rapporto tra tecnologia e natura spostando l’attenzione su aspetti come il movimento di una mosca o il suono degli alberi.

Daniele Spanò
Daniele Spanò, dopo una formazione da scenografo, inizia il lavoro di regista e artista visivo. Le sue video-installazioni vengono commissionate per essere esposte in varie piazze d’Italia. Una di queste è stata anche selezionata dal celebre regista e artista Takeshi Kitano, per rappresentare il fermento artistico della città di Roma.

Years Without Days
Luigi Calfa è un giovane compositore di musica elettroacustica, pianista e sound artist attivo dal 2010 con diversi progetti: Luigi Calfa, Years Without Days, Meta. La sua ricerca sonora è in continuo sviluppo, trae ispirazione dalla musica minimalista per costruire tessuti sonori e strutture ritmiche circolari. Tuttavia, dall’ambiente che lo circonda.

Lara Cristiano e Valentina Laganà
Iniziano a sgambettare in acqua a Lamezia Terme a 6 anni, allenate dalle giovani sorelle Valentina e Natalia Tropeano, ex campionesse di nuoto sincronizzato e di nuoto. Inizia presto la carriera agonistica che le vede impegnate, con le compagne di squadra, in campionati regionali e nazionali, collezionando parecchie soddisfazioni. Negli anni universitari si trasferiscono a Roma, per diventare medico, Lara, e psicologa Valentina. Qui vengono “adottate” dall’ex allenatrice della nazionale Rumi Cucchetti, che le inserisce nel circuito master di nuoto sincronizzato, raggiungendo, nel 2013 a Eindhoven, il titolo di campionesse europee di duo per la loro categoria. Ad oggi si stanno allenando per i prossimi campionati europei, che si terranno a maggio a Londra.

K-sine
Luca e Roberto esplorano un audiovisivo semplice ma aggressivo. Massima attenzione per il “caos”, per tutto ciò che non era previsto, diventa elemento e fondamenta da cui poter partire per creare. Un mondo fatto di suoni ed immagini aggressivi, decomposti, in perenne bilico tra semplicità e complessità fino a renderle paradossalmente un continuum. La composizione si snoda tra il sound design e il visual design, sintetizzatori audio e video programmati dal duo danno garanzia di un prodotto originale che tiene presente lo spirito del tempo,reinterpretandolo e cercando di renderlo eterno. Insieme sono stati ospiti del roBOt Festival di Bologna, l’Acusmatiq di Ancona, il 2025 – Future Environment Human di Roma e tanto altro.

Jacopo Brogioni
Giovane fotografo con la passione per il viaggio. “Nascendo professionalmente come fotografo di scena ho sempre avuto il compito di raccontare attraverso il mio punto di vista le scene e i personaggi sui set cinematografici. Da vero “travel addicted” ho sfruttato ogni occasione possibile per girare il mondo, per entrare in contatto con culture e situazioni sociali sempre diverse. La versatilità del mio lavoro mi ha permesso di concepire ogni singolo viaggio come un potenziale progetto fotografico, un lavoro nel quale il mio compito è sempre lo stesso: ritrarre scene, i cui personaggi sono persone vere. Ogni paese è per me come un grande set, per il fascino che trasmette, un fascino privo di finzione. In ogni luogo catturo scene di vita quotidiana, per la maggior parte focalizzandomi sull’elemento umano nella società e nei rapporti che si instaurano al suo interno.

Serena Belcastro
Osservatrice della contemporaneità, partendo da una personalissima idea di moda, rintraccia e sottolinea lo stile e lo spirito del tempo attraverso articoli e fotografie che immortalano, suoni, odori, strade, salotti e club di un mondo in divenire. Come fotografa, stylist e editor ha collaborato con Dazed Digital, METAL Magazine, ASOS, Eastpak, WU Magazine e All The Pretty Birds.

Pfadfinderei
Pfadfinderei è uno studio di Art Direction e Design con sede a Berlino, leader specialista nella visual art legata alla musica. Che si tratti di scenografie per live di musica elettronica, spettacoli di danza contemporanea o concerti di musica classica l’opera di Pfadfinderei si plasma sempre perfettamente su quello per cui è creata. Ad oggi lavora con clienti di lusso, oltre che con vari musicisti tra i quali Apparat, Modeselektor, Moderat ecc.

Pasquale De Sensi
L’immagine proposta da Pasquale de Sensi richiama agli schemi iconici dell’arte religiosa, unendoli ad un immaginario derivato da suggestioni contemporanee. La tecnica del collage, è usata per fornire all’opera un punto di riferimento oggettuale, su cui poi interviene con il segno diretto, pittorico o grafico. Sul piano tecnico la scelta è rivolta verso materiali primari e semplici: principalmente carta e legno su cui applica ritagli e colore.

Ilaria Tortoriello
Nasce a Napoli nel 1986, si laurea in Arti Visive e Discipline dello Spettacolo con specialistica in Fotografia all’Accademia Delle Belle Arti di Napoli nel 2010, vince una Borsa di studio alla Scuola Romana di Fotografia nel 2013, studia e lavora a Roma come fotografa.

Ne/No
Ne/No è un nuovo bag brand (uomo/donna) innovativo del mercato italiano.Nato circa 1 anno e mezzo fa nella patria del leather craft, Firenze, il marchio è alla terza collezione firmata dai due giovani designer Stefano Manetti e Nicola Cuppone. L’idea di Ne/No nasce dal felice incontro tra nuove tendenze del design e tradizione fiorentina del lavorare la pelle. Linee pure, geometrie, richiamo ai trend più attuali nella scelta delle tipologie, coniugate assieme ad una cura maniacale per i dettagli, sono gli elementi fondanti del concept Ne/No. Obiettivo del brand è portare in Europa e nel mondo la sua value proposition innovativa, promuovere collaborazioni con nuovi designer schierati sullo stesso percorso estetico, esplorare il mondo della piccola pelletteria e dell’abbigliamento in pelle.

Snow In Mexico
Gli Snow In Mexico sono un duo dream-pop proveniente da Roma. Hanno da poco firmato con la prestigiosa etichetta americana Saint Marie Records. Innamorati di synth analogici, dello spirito post-punk degli anni ’80 e dell’emocore anni ’90, presenteranno in esclusiva il loro ultimo ep, “Juno Beach”. Consigliati per tutti gli amanti di M83, Boards Of Canada e Radio Dept.

[e numerosi altri…]


redazione CN

No comments yet