Scroll To Top

Rosarno città aperta, la musica come elemento di condivisione

in cultura e società

ROSARNO – Rosarno si apre al mondo con la musica. Grazie a “Rosarno città aperta“, sabato 27, alla tendopoli di San Ferdinando, e domenica 28, in piazza Valarioti a Rosarno, sarà possibile assistere a due concerti organizzati da Medici per i Diritti Umani, Sos Rosarno, Il frantoio delle Idee e la Ponte di Archimede Produzioni, con la collaborazione delle associazioni e degli abitanti della Piana di Gioia Tauro.

Ospite d’onore delle due serate sarà Sandro Joyeux, musicista italo-francese che da anni promuove l’Antischiavitour, portando la sua musica tra i ghetti in cui i lavoratori stranieri vivono in condizioni indegne durante le stagioni di raccolta.

Ma ricco anche di altri musicisti straordinari è il programma, che unisce sonorità locali a ritmi lontani. Tra questi: il balkan folk italiano di Nosenzo; la Fanfara Station, progetto del polistrumentista tunisino Marzouk Mejri e del trombettista statunitense Charles Ferris; il blues- rock dei calabresi The walking trees e di Nino Quaranta e i Maniera d’Autore; il reggae dei Kumpa Kreo-Porto Sound; i suoni della Bulgarian band; il funk della Liquid Funky Tornato band.

“Rosarno città aperta vuole essere un momento di condivisione con tutta la cittadinanza e, attraverso la musica, di apertura, di respiro per tutta la Piana di Gioia Tauro”, spiegano gli organizzatori.

“Dopo le provocatorie aggressioni subite dai lavoratori stranieri nella zona industriale di San Ferdinando e la tensione che si respira quotidianamente in questo territorio, è necessario dare un segnale forte unendo tutti i suoi abitanti e tutti i lavoratori – siano essi italiani o stranieri – attraverso la musica”.

Chiediamo a tutte e tutti di esserci, di portare occhi, mani e corpo in un luogo che ogni anno sale alle cronache per le indegne condizioni di vita e di lavoro dei braccianti, e non solo. Un luogo che deve essere conosciuto ed esperito“.

Per saperne di più, visita la pagina Facebook dell’evento.

redazione CN

No comments yet