Scroll To Top

Sei milioni di euro dalla Regione per l’occupazione delle donne

in economia e lavoro

L’assessore regionale del lavoro Nazzareno Salerno ha presentato questa mattina a Palazzo Alemanni, l’avviso pubblico diretto all’occupazione delle donne al di sotto dei 35 anni. L’iniziativa, portata avanti dalla Regione Calabria e dalla società Italia Lavoro, è rivolta a tutti i settori economici e si basa su un totale di 6 milioni di euro di risorse disponibili.

Il progetto è rivolto alle imprese che operano sul territorio calabrese e mira all’occupazione di donne che non hanno compiuto 35 anni e che vivono in condizioni che possono essere considerate di svantaggio. L’assunzione, che avverrà tramite il trattamento di integrazione salariale, prevede che i costi ammissibili corrispondano ai costi salariali di 12 mesi, a partire dall’assunzione del lavoratore. La somma che corrisponderebbe ad ogni lavoratrice è di circa 8 mila euro.

Questi criteri di occupazione si riferiscono al Regolamento UE n. 651/214 sugli aiuti di Stato, che proprio lo scorso giugno è stato modificato in favore di una maggiore semplificazione e trasparenza da parte degli stati membri. Si è voluto in particolar modo soffermarsi sulla definizione di “lavoratore svantaggiato”, che proprio nell’articolo 2 del Regolamento, elenca le caratteristiche essenziali per essere considerato tale.

Il piano occupazionale, presentato dall’assessore, ha visto l’approvazione di tutte le provincie calabresi, che hanno potuto sfruttare il contributo tecnico della società Italia Lavoro che da anni si occupa di politiche del lavoro, di occupazione e di inclusione sociale, in qualità di ente strumentale delle Ministero del lavoro e delle politiche sociali.

La domanda deve essere trasmessa tramite raccomandata dal 25 settembre fino al 15 ottobre 2014. L’avviso, consultabile sul sito della Regione, è attualmente in fase di aggiornamento e disponibile nella sezione Preinformazione.

di Adelia Pantano

No comments yet