Scroll To Top

Sequestrate a Gioia Tauro 52 tonnellate di sigarette contraffatte

in politica e cronaca

GIOIA TAURO – La Guardia di Finanza di Reggio Calabria ha sequestrato stamattina, un grosso carico di sigarette. I pacchetti, del peso complessivo di circa 52 tonnellate, viaggiavano all’interno di 5 container, a bordo di una nave proveniente dagli Emirati Arabi Uniti.

5262_FOTOIl sequestro è avvenuto nel porto di Gioia Tauro, con la collaborazione dei funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli – S.v.a.d., coordinati dalla Procura della Repubblica di Palmi. Grazie ad una serie di controlli ed incroci documentali, gli investigatori sono riusciti ad individuare questo carico sospetto di sigarette, recanti false indicazioni di provenienza e qualità. Inoltre, la merce, costituita da diversi marchi non registrati, era formalmente destinata in Montenegro, ma in realtà sarebbe stata introdotta nel mercato italiano.

In particolare, si sa che queste sigarette potrebbero contenere materiali scadenti o cancerogeni, non essendo sottoposte ai controlli con gli elevati standard di sicurezza europei e pertanto sono potenzialmente dannose per la salute dei consumatori. Infatti, molto di frequente, sono stati riscontrati, nell’impasto della sigaretta, livelli di nicotina, catrame, monossido di carbonio, piombo cadmio e arsenico, molto più alti di quelli consentiti dalle normative europee.

Le 52 tonnellate di pacchetti, che, messi in fila indiana, formerebbero una linea lunga 220 chilometri, come da Roma ad Arezzo, sono state dunque sequestrate per il reato di vendita di prodotti industriali con segnali mendaci.

g.c.

No comments yet