Scroll To Top

Sequestrati i beni di due imprenditori di Palmi accusati di essere vicini alla cosca “Gallico” – Stimato in 150 milioni di euro il valore degli immobili posti sotto sequestro. Tra questi l’hotel Gianicolo a Roma

in altre notizie dal web

PALMI – Un maxisequestro, valore stimato intorno ai 150 milioni di euro, ai danni di due imprenditori ritenuti affini alla cosca Gallico di Palmi è il risultato di due attività di indagine condotte dal Centro Operativo Dia di Roma, dalla Squadra Mobile di Reggio Calabria e dal Commissariato P.S. di Palmi.

Nel corso delle indagini è stata rilevata, anche attraverso le deposizioni di un collaboratore di giustizia, la contiguità dei due imprenditori, Giuseppe Mattiani e il figlio Pasquale, alla potente cosca della cittadina del reggino. Il sequestro riguarda un ingente patrimonio immobiliare fra cui spiccano due hotel a quattro stelle, uno situato a Palmi, l’Hotel Arcobaleno, e l’altro a Roma, l’Hotel Gianicolo.

Quest’ultimo fu un vero e proprio affare costato 13 miliardi delle vecchie lire ma effettuato in prossimità del Giubileo, fu rilevato dalla congregazione delle dame apostoliche del Sacro Cuore a ridosso di un evento destinato a portare nella capitale milioni di turisti e pellegrini.

Sorprendente è, a detta degli inquirenti, il patrimonio accumulato da questi due imprenditori e che è stato poi reinvestito nelle proprietà immobiliari sequestrate, oltre i due Hotel figurano infatti altri 53 beni immobili siti a Roma, Castiglione dei Pepoli (BO) e Palmi.

Il profilo economico dei Mattiani non ha, con ogni evidenza, giustificato agli occhi degli investigatori il patrimonio immobiliare da essi accumulato. Oltre le indagini e gli arresti odierni c’è da aggiungere come soprattutto la figura di Giuseppe Mattiani fosse da tempo attenzionata delle forze dell’ordine, era stato accusato nel passato di aver nascosto la latitanza di alcuni pregiudicati e di truffa alla Regione Calabria unitamente al figlio.

Adesso padre e figlio sono accusati di essere interni alla cosca “Gallico” e di aver manovrato le ingenti capacità economiche della ‘ndrina di Palmi.

di Gaspare Mazzei

No comments yet