Scroll To Top

Speranza: la sinistra esclusa dal governo regionale, chiediamo collaborazione per il futuro

in politica e cronaca

Gianni Speranza, esponente di Sel, ha rilasciato una dichiarazione sulla situazione della sinistra calabrese, in relazione alle questioni politiche regionali. “Da novembre 2014, – afferma Speranza – negli 11 mesi trascorsi dalla vittoria del centrosinistra alle elezioni regionali, non c’è stato nessun incontro con i rappresentanti delle liste e dei partiti che hanno sostenuto la coalizione guidata da Mario Oliverio. Non c’è stato nessun momento di dialogo e confronto con i rappresentanti della lista “La Sinistra con Speranza” che ha eletto un proprio rappresentante in consiglio regionale, contribuendo al successo del centrosinistra. Un contributo decisivo il nostro, fin dalle primarie, rese possibili solo grazie al nostro senso di responsabilità ed alla nostra generosità e fortemente osteggiate, come si ricorderà, da ampi settori del Partito Democratico”.

Gianni_speranza

Gianni Speranza

“In questi mesi, – continua l’ex sindaco di Lamezia Terme – l’unica sede decisionale sono stati i summit periodici del Partito Democratico, con la giunta, i parlamentari, il segretario regionale e i consiglieri regionali del Partito Democratico. Summit aperti alla stampa, ma non alle altre forze della coalizione. Noi di Sel abbiamo appreso tutte le decisioni della giunta regionale dai giornali e dalle notizie diffuse in Rete.

Il capogruppo del Pd in consiglio regionale Sebi Romeo, nel replicare all’ assessore Carlo Guccione che protestava per la sua non partecipazione alla nuova giunta regionale, ricordava a Guccione che lui non aveva partecipato a quella sorta di “caminetto” tra i vari capi corrente del Pd da cui sono usciti i nomi dei tecnici tra i quali Oliverio ha fatto le scelte per nominare il nuovo esecutivo: un esecutivo tecnico- monocolore Pd”.

“Per quanto riguarda il futuro, – sostiene Speranza nella nota – prendiamo atto che è chiusa la questione della partecipazione della sinistra al governo della Regione. Dobbiamo ribadire che io personalmente e Sinistra Ecologia e Libertà, a differenza di quanto avviene in altri settori politici, non chiediamo assolutamente né incarichi che riguardino la Regione, né ricompense per la mancata partecipazione alla giunta, né posti di sottogoverno. Nessuna logica di scambio deve inficiare una libera e limpida dialettica politica.

Chiediamo una collaborazione assolutamente disinteressata sul piano del potere, ma rigorosa e incisiva sulle questioni che riguardano la vita della Calabria e dei calabresi: l’introduzione di un reddito minimo di cittadinanza, che proprio ieri è stato approvato anche dalla Regione Lombardia; l’impugnazione della legge Renzi sulla scuola; la salvaguardia del territorio; lo sviluppo e la promozione del nostro patrimonio culturale“.

“Nello stesso spirito con cui ci siamo presentati alle elezioni regionali un anno fa – conclude – ciò che ci interessa veramente è cambiare davvero la Calabria. Se non si vuole dare una risposta su queste questioni, non si apre un contenzioso verso di noi: è il Pd che mancherebbe di coerenza nei confronti dei cittadini e del mandato ricevuto dagli elettori calabresi. A noi non resta che prenderne atto! Le questioni che poniamo richiedono risposte immediate, nel giro di poche settimane. Noi resteremo coerenti rispetto al mandato ricevuto dai cittadini”.

redazione CN

No comments yet