Scroll To Top

Truffe Inps: scoperti 131 falsi braccianti agricoli a Rossano

in politica e cronaca

ROSSANO – Indennità di disoccupazione, sussidi di maternità, assegni familiari, indennità di malattia illegittimamente erogati e contributi Inps dovuti e non versati. Sono tutte le contestazioni fatte dalla Guardia di Finanza di Rossano al termine dell’ inchiesta che ha svelato l’ennesima truffa ai danni dell’Inps, pari a circa 450 mila euro di danno erariale.

GdF_CosenzaAnche stavolta le Fiamme Gialle, coordinate dalla Procura della Repubblica di Castrovillari, hanno scoperto una serie di falsi contratti di fitto o comodato d’uso di terreni, che erano stati prodotti all’ente previdenziale per simulare una rilevante quantità di fondi agricoli, tale da giustificare l’assunzione di operai a tempo determinato, per un totale di 6 mila giornate lavorative, relativamente al periodo 2010-2013.

Nel modus operandi della truffa, rientra in particolare, la predisposizione fraudolenta di documenti, quali la denuncia aziendale per ottenere il rilascio del codice Cida, indispensabile per l’invio trimestrale della dichiarazione di manodopera agricola per la conduzione dei terreni nella propria disponibilità e la falsa dichiarazione all’Inps di aver impiegato 131 operai a tempo determinato per circa 6 mila giornate.

Anche la documentazione contabile e amministrativa dell’impresa serviva a giustificare la sussistenza dei requisiti di legge, in base ai quali l’Inps ha erogato le prestazioni in favore degli operai figurati come assunti, per un importo complessivo di circa 400 mila euro. Dagli accertamenti è inoltre risultato il mancato versamento di circa 50 mila euro di contributi previdenziali e nel complesso, 132 persone sono state denunciate per truffa, all’autorità giudiziaria.

g.c.

No comments yet